Roll al cioccolato – vegan

Generalmente non mi piace chiamare le pietanze vegane con un nome che richiama il mondo animale. Si sente parlare di “arrosto di seitan”, “Hamburger di tofu”, “Ragout di soia”. A me sembra davvero un’assurdità.

La cucina vegana ad oggi è entrata a far parte della dieta degli italiani e ad ogni modo si è sempre mangiato qualcosa senza derivati animali, anche senza “battezzarlo” vegano. Voi che ne pensate?

Per questo ho preferito dare a questo dolce il nome di “roll” e non di “salame”.

Dopo queste considerazioni direi che possiamo passare alla preparazione…un pò di zuccheri fanno bene al cervello! 😉

 

Ingredienti
  • 200 gr cioccolato fondente
  • 180 gr biscotti secchi vegan
  • 120 gr di anacardi o nocciole al naturale
  • 60 ml latte di mandorla non zuccherato
  • 40 gr di olio di semi di girasole
  • 30 gr di zucchero di canna grezzo
  • 2 cucchiai di rum
  • ½ cucchiaino di vaniglia in polvere
  • 1 pizzico di cannella
  • 1 pizzico di sale

 

Preparazione:

Facciamo sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria. Nel frattempo, facciamo tostare in una padella antiaderente gli anacardi (o le nocciole) spezzettati grossolanamente, con un pizzico di sale e di cannella facendo attenzione a non bruciarli.

In una ciotola spezzettiamo i biscotti e aggiungiamo il resto degli ingredienti. Amalgamiamo bene il tutto, aggiungendo anche gli anacardi tostati. Infine il cioccolato fuso, ormai tiepido.

Lasciamo raffreddare e riponiamo in frigo per una decina di minuti.

Prendiamo quindi il nostro composto e disponiamolo su un foglio di carta forno, dandogli la forma di un rotolo. Sigilliamo i lati a caramella e ricopriamo con  uno strato di carta stagnola.

Riponiamo in freezer per almeno un paio d’ore prima di affettarlo.

 

Let’s EAT & enjoy ♥

Il consiglio in più…

Credo che le nocciole si sposino meglio con questo tipo di dolce. Le uso moltissimo nelle mie ricette e le trovo davvero deliziose..l’anacardo tende a rimanere più morbido, ma va a gusti.

Tenterei anche la versione al cioccolato bianco! In quel caso ometterei lo zucchero per paura diventi troppo dolce… ci proviamo?